I.R.F. in Microdentistry

Consulenza Gratuita

Richiedici una consulenza gratuita, uno dei nostri medici ti richiamerà per rispondere ai tuoi dubbi e alle tue domande.

Implantologia Microinvasiva

Implantologia flapless per ridurre al minimo i fastidi del decorso post chirurgico.

Terapia Parodontale

Curiamo la parodontite con il laser in maniera efficace e indolore.

Video

Guarda i nostri video: potrai vedere come effettuiamo le nostre terapie e cosa dicono di noi i nostri pazienti.

Ricerca Scientifica

L'istituto Microdentistry da anni porta avnti ricerca scientifica sulle tecnologie odontoiatriche e su patologie orali.

Implantologia

Negli anni '70 nasce la moderna implantologia con l'introduzione, da parte dello svedese Branemark, di protesi dentali (viti di titanio con circa 4 mm di diametro) chiamate impianti endossei e utilizzate per sostituire le radici di denti mancanti. Questi manufatti tendono a creare un rapporto di continuità con l'osso nel quale vengono inseriti (Osteointegrazione) risultando perciò fissi, stabili e non dolenti, supporto ideale per protesi fissa. La percentuale di successo è intorno al 95%; il rigetto non esiste (grazie all'assoluta biocompatibilità del titanio), Pertanto nei casi di mancata osteointegrazione si parla di insuccesso e mai di rigetto. Con le tecniche di microchirurgia e ingegneria dei tessuti, in caso di insuccesso, è possibile riposizionare un impianto nella stessa sede, o rigenerare l'osso nei siti in cui non ne abbiamo a sufficienza per posizionare immediatamente gli impianti. Microdentistry ha messo a punto, nel corso degli ultimi venti anni, una nuova filosofia di trattamento in implantoprotesi, in accordo con i criteri di minima invasività nei confronti del paziente, molti dei quali sviluppati o perfezionati internamente al nostro Istituto. Tali conoscenze e protocolli clinici rappresentano un patrimonio unico, non pubblicato, ma condiviso in un network internazionale di cliniche di eccellenza. Questa filosofia di lavoro viene pertanto definita implantologia microinvasiva.

IMPLANTOLOGIA TRADIZIONALE I VANTAGGI DELL'IMPLANTOLOGIA MINIMAMENTE INVASIVA
Necessita di ampio taglio sulla gengiva con successivo distacco dei tessuti (periostio, mucosa e muscoli) dalle basi ossee. Non sempre necessita dell'incisione e scollamento dei tessuti molli.
Provoca il riassorbimento dell'osso scoperto. Ricostruisce sempre l'osso per sostenere gli impianti contemporaneamente all'estrazione dei denti.
Provoca facilmente dolore. Prepara il sito implantare con una bassa velocità di rotazione delle frese, rispettando la struttura e la vitalità dell'osso.
Aumenta il rischio di edema, sanguinamento ed ematomi nel post-operatorio. Consente il posizionamento degli impianti con minore necessità di innesti ossei, o con rigenerazione realizzata contestualmente.
Utilizza le frese per forare l'osso ad alta velocità e in modo aggressivo, con poco rispetto per la biologia del tessuto. Non richiede tempi lunghi di attesa per posizionare la protesi sugli impianti, ma è possibile spesso eseguire tutto in tempi brevi (poche ore o giorni). (Carico immediato).
Permette l'inserimento di impianti solo in siti anatomici dove è presente una quantità di osso abbondante. Grazie all'uso del microscopio operatorio permette di avere un completo controllo dei rapporti fra sito implantare e strutture anatomiche circostanti.
Ricostruisce l'anatomia dei mascellari con innesti ossei provenienti da altre sedi: anca, tibia, fibula, calvaria. Permette di eseguire impianti subito dopo l'estrazione di un dente, anche in presenza di infezioni che vengono controllate con sofisticate tecniche di decontaminazione.
Richiede un'attesa di molti mesi per la messa in funzione degli impianti. I pazienti vengono spesso lasciati senza denti o con protesi removibili, fastidiose e pericolose per la corretta osteointegrazione. Consente il trattamento di eventuali infiammazioni e/o infezioni dei tessuti peri-implantari (mucositi e peri-implantiti).
Causa dolore post-operatorio spesso difficilmente controllabile con antidolorifici. Riducendo la necessità di suture permette di ottenere un intimo contatto tra tessuti molli ed impianto: si evita così la penetrazione di batteri nella ferita chirurgica.
Provoca una lenta guarigione dei tessuti. Riduce o elimina il dolore post-operatorio.
Riduce o elimina l'edema post-operatorio.
Permette una rapida guarigione dei tessuti, grazie alla biostimolazione.

Grazie alla terapia parodontale laser assistita, che ci permette di controllare tutte le infezioni presenti nel cavo orale, abbiamo la possibilità di inserire impianti anche nei pazienti con gravi infezioni parodontali. Gli impianti possono anche essere inseriti in alveoli in presenza di infiammazione, grazie al trattamento laser dell'alveolo stesso; nel caso in cui non si esegua un impianto post-estrattivo, viene eseguito ugualmente il trattamento laser e rigenerato l'osso grazie all'inserzione di innesti ossei. Ciò ci permette di avere successivamente una quantità di tessuto tale da poter inserire un impianto, evitando l'atrofia ossea nella sede di estrazione, ma soprattutto senza la necessità di effettuare altri interventi chirurgici per reperire osso.

Tutti gli esami radiografici necessari per iniziare il trattamento chirurgico possono essere eseguiti all'interno dello studio.

Gli impianti possono essere sommersi, ossia inseriti al di sotto della mucosa orale, e in questo caso occorre una seconda seduta per scoprirli; o transmucosi, quando emergono dalla mucosa, e allora viene inserita una vite di guarigione, per preparare la mucosa all'inserzione della protesi. In entrambi i casi è necessario attendere circa 3-4 mesi, per permettere la completa osteointegrazione degli impianti. Esiste poi la possibilità di inserire sia gli impianti che la corrispettiva protesi in tempi brevi (carico immediato), così da avere il ripristino della funzionalità e dell'aspetto estetico rapidamente.

L'implantologia microinvasiva non prevede sempre l'esposizione dell'osso (lembo di accesso), e questo permette di eseguire una chirurgia minimamente invasiva, di avere un minor edema post-operatorio, una facile guarigione, l'assenza di suture e di ottenere un intimo contatto tra tessuti molli ed impianto, evitando così che i batteri presenti nella cavità orale si insinuino in profondità determinando un fallimento dell'intervento.

Neppure l'assenza di osso è un ostacolo per il posizionamento degli impianti, perché ciò che manca può essere ricostruito grazie a tecniche di rigenerazione ossea, che prevedono l'utilizzo di innesti sintetici e di fattori di crescita autogeni. L'osso può anche essere recuperato da zone dove sono stati inseriti altri impianti, grazie a una speciale tecnica chirurgica, oppure da altri siti (quando è necessaria una grande quantità di tessuto) all'interno della cavità orale.

L'uso del microscopio operatorio facilita il pieno controllo delle strutture anatomiche permettendo l'esecuzione di difficili tecniche di rigenerazione in situazioni estreme, come il rialzo del seno mascellare: con questa tecnica possiamo inserire innesti ossei fra osso e la mucosa che riveste questo seno, per poi poter procedere all'inserzione di impianti anche in zone originariamente prive di sostegno osseo.

Casi clinici di pazienti sottoposti a Implantologia minimamente invasiva

Caso n° 1 - Donna, 78 anni

implantologia minimamente invasiva
Preoperatoria


implantologia a carico immediato
Postoperatoria dopo 4 anni


Caso n° 2 - Uomo, 57 anni

caso clinico di implantologia
Preoperatoria

operazione di implantologia
Postoperatoria dopo 5 anni


Caso n° 3 - Donna, 78 anni

implantologia e chirurgia
Preoperatoria

impianti dentali
Postoperatoria dopo 6 anni


Caso n° 4 - Uomo, 65 anni

impianti in titanio
Preoperatoria

implantologia minimamente invasiva
Postoperatoria dopo 4 anni


Caso n° 5 - Uomo, 65 anni


impianti dentali a carico immediato
Preoperatoria

implantologia minimamente invasiva
Postoperatoria dopo 4 anni



Il dott. Francesco Martelli visita a

  • Firenze presso:
    IRF in Microdentistry in Via dell'Ariento 4,
    tel 055 2398889 - 055 281619
  • Roma presso:
    Excellence Dental Network, Via Barberini 68,
    tel. 06 39735425 - 06 84080139
  • Milano presso:
    Excellence Dental Network, Via Mauro Macchi 38,
    tel 02 76280498
  • Padova presso:
    Excellence Dental Network, Via Ugo Foscolo, 1
    tel. 049 8755257 - 049 666215
  • Torino presso:
    Excellence Dental Network, Corso Turati, 15 H
    tel. 011 595033
  • Catanzaro presso:
    Excellence Dental Network, Via Molise, 21
    tel. 0961 63502
  • In tutti i centri partner EDN viene effettuato il protocollo per la terapia parodontale non invasiva biologicamente guidata messa a punto dal Dr Francesco Martelli.
    Trova il centro EDN più vicino a te

    Microdentistry partner edn